Emergono ulteriori dettagli dalle indagini sulla strage di Brindisi, dove lo scorso 19 maggio ha perso la vita la studentessa Melissa Bassi e altre cinque compagne rimasero ferite. Indicazioni puntuali sul complice che avrebbe aiutato Giovanni Vantaggiato a realizzare l’ordigno scoppiato dinanzi all’Istituto Morvillo-Falcone di Brindisi sono state fatte da Cosimo Parato, l’imprenditore che nel 2008 scampò ad un attentato confessato da Vantaggiato. Parato è stato sentito venerdì scorso dal pm di Brindisi Milto De Nozza alla presenza del suo legale.  

Parato, in particolare, avrebbe fatto il nome della persona che avrebbe aiutato Vantaggiato e gli investigatori stanno cercando riscontri alle sue affermazioni. Vantaggiato, reo confesso, è in carcere con l’accusa di strage con finalità terroristiche. Parato al pm ha anche fatto riferimento ai propri rapporti d’affari con l’azienda di proprietà della famiglia Vantaggiato che – a suo dire – avrebbe avuto anche legami, nell’ambito delle forniture di carburante, con Mesagne, città di Melissa e delle altre studentesse ferite. Quanto alla presenta truffa da 343 mila euro da lui commessa e che secondo Vantaggiato sarebbe il movente della strage di Brindisi, Parato si è detto estraneo a qualsiasi ipotesi fraudolenta, non negando infine di aver in passato gestito insieme con Vantaggiato operazioni non del tutto regolari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bassolino condannato dalla Corte dei Conti per compensi extra a dipendenti

next
Articolo Successivo

Concorso infinito per cancellieri: dopo cinque anni è tutto in alto mare

next