Emergono ulteriori dettagli dalle indagini sulla strage di Brindisi, dove lo scorso 19 maggio ha perso la vita la studentessa Melissa Bassi e altre cinque compagne rimasero ferite. Indicazioni puntuali sul complice che avrebbe aiutato Giovanni Vantaggiato a realizzare l’ordigno scoppiato dinanzi all’Istituto Morvillo-Falcone di Brindisi sono state fatte da Cosimo Parato, l’imprenditore che nel 2008 scampò ad un attentato confessato da Vantaggiato. Parato è stato sentito venerdì scorso dal pm di Brindisi Milto De Nozza alla presenza del suo legale.  

Parato, in particolare, avrebbe fatto il nome della persona che avrebbe aiutato Vantaggiato e gli investigatori stanno cercando riscontri alle sue affermazioni. Vantaggiato, reo confesso, è in carcere con l’accusa di strage con finalità terroristiche. Parato al pm ha anche fatto riferimento ai propri rapporti d’affari con l’azienda di proprietà della famiglia Vantaggiato che – a suo dire – avrebbe avuto anche legami, nell’ambito delle forniture di carburante, con Mesagne, città di Melissa e delle altre studentesse ferite. Quanto alla presenta truffa da 343 mila euro da lui commessa e che secondo Vantaggiato sarebbe il movente della strage di Brindisi, Parato si è detto estraneo a qualsiasi ipotesi fraudolenta, non negando infine di aver in passato gestito insieme con Vantaggiato operazioni non del tutto regolari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bassolino condannato dalla Corte dei Conti per compensi extra a dipendenti

prev
Articolo Successivo

Concorso infinito per cancellieri: dopo cinque anni è tutto in alto mare

next