La  posta in gioco, nella morsa della questione della legge elettorale, non è tanto se il prossimo Parlamento sarà pieno di personaggi “ nominati”  dai segretari  – come  nelle liste bloccate dell’odiato Porcellum –  o di rappresentanti  “scelti  dai cittadini” – come nel caso delle preferenze o dei collegi uninominali.

So di dire una cosa che può suonare strana o antipatica a chi si è mobilitato contro il Porcellum e lo ha identificato come  fonte dei mali della politica. Ma a mio parere il punto chiave, il punto delicato non è quello, non è decidere se è meglio rischiare che 12 mila bresciani diano la preferenza a Renzo Bossi o rischiare che ci sia di nuovo una Nicole Minetti in un listino bloccato ( e ho fatto due esempi legati alla legge elettorale regionale, dove convivono i due criteri). Non è su questo che si stanno principalmente interrogando e accapigliando i leaders politici.

Il punto è un altro, è se tenere in vita il sistema italiano della Seconda Repubblica del premio di coalizione, o comunque di un meccanismo maggioritario,  con conseguente obbligo di  coalizzarsi  e indicazione preventiva del Presidente del Consiglio, con conseguente probabilità che vinca l’anno prossimo il centro sinistra – ma anche no – o se buttarlo a mare con la scusa che bisogna superare il Porcellum, e tornare in qualche modo al proporzionale della Prima Repubblica. Sarebbe un vero paradosso della storia. Con il maggioritario all’italiana – che fosse Mattarellum o Porcellum – Berlusconi ha preso la maggioranza assoluta in Parlamento per tre volte, anche se non ce l’aveva nel paese.  Adesso che il meccanismo funzionerebbe a favore del centro sinistra lo si butterebbe a mare.

Qualunque cosa si pensi in astratto, in termini di principio, del sistema proporzionale, non c’è dubbio che oggi un ritorno a questo sistema favorirebbe lo status quo, cioè la riproposizione della “ammucchiata di salvezza” tra Pd, centristi e Pdl e andrebbe anche a destabilizzare il sistema politico, cozzando contro le realtà consolidate delle coalizioni nelle Regioni e negli altri Enti Locali, ondate sul premio di coalizione. Ancora una volta, inoltre, ci troviamo a poca distanza dal voto con i partiti in Parlamento – che oltretutto  non rappresentano più i rapporti di forza nel paese – che pensano in termini di cortissimo periodo a come cambiare la legge elettorale. Non per fare una legge saggia, ma per cercare di indovinare il vantaggio del momento.

E sembra che non si parli nemmeno dell’unica cosa che andrebbe fatta di sicuro cioè eliminare se non il bicameralismo perlomeno la  incongruenza di sistemi elettorali tra Camera e Senato.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Barbato sospeso dall’Aula per 15 giorni. Aveva urlato: “Avete rotto i coglioni”

next
Articolo Successivo

Concertazione, scontro Monti-sindacati. E Bersani: “Dialogo fa bene a tutti”

next