“Io non mi do mai per vinto. Per darmi per vinto prima devono ammazzarmi fisicamente”. Queste le uniche parole del direttore generale della sanità lombarda Carlo Lucchina, tra gli indagati per gli scandali sulla sanitopoli che ha travolto l’amministrazione di Roberto Formigoni. Il dg lombardo non ha voluto rilasciare commenti sull’indagine avviata nei suoi confronti dalla Procura di Milano. Insieme ad altre 28 persone, Lucchina è indagato nel merito delle assegnazioni di alcune sperimentazioni cliniche a strutture sanitarie private di Franz Baraggino

 

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trattativa, Ingroia: “Trattare non è reato. Perseguiamo chi la impose con le minacce”

prev
Articolo Successivo

“I Graviano, gli affari e la villa di B. in Sardegna”

next