Nel febbraio del 1993, il presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro riceve una lettera firmata da alcuni familiari di detenuti al 41 bis, che lamentano le condizioni di detenzione dei loro congiunti. Potrebbe essere questo l’inizio della presunta trattativa fra lo Stato e Cosa nostra. La lettera, infatti, è indirizzata per conoscenza ad altri soggetti che si riveleranno simbolici rispetto alle successive stragi di mafia di quell’anno: il Papa (attentati contro le chiese di San Giovanni in Laterano e San Giorgio in Velabro), il vescovo di Firenze (strage di via dei Georgofili), Maurizio Costanzo (bersaglio di un fallito attentato a Roma). Ecco il testo integrale della lettera indirizzata a Scalfaro. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Trattativa, i documenti/1. L’elenco dei boss “alleggeriti” dal 41 bis nel 1993

next
Articolo Successivo

Trattativa, i documenti/3. Le carte del ministero della Giustizia

next