Il “carcere duro” previsto dall’articolo 41 bis dell’ordinamento carcerario era uno dei punti centrali della presunta trattativa fra lo Stato e Cosa nostra. Nel novembre del 1993 il ministro della Giustizia Giovanni Conso fa togliere il 41 bis a 334 detenuti per mafia, contro il parere della Procura di Palermo. L’ipotesi investigativa è che questa concessione sia una contropartita della trattativa, circostanza che Conso ha smentito. Nei documenti che seguono si trovano i nomi dei detenuti a cui è stato tolto il 41 bis in quegli anni, e l’informativa della Procura di Palermo che insiste perché il carcere duro sia mantenuto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

CASO BELSITO-LEGA, LE CARTE DI MILANO E REGGIO CALABRIA

next
Articolo Successivo

Trattativa, i documenti/2. La lettera dei familiari dei boss al presidente Scalfaro

next