Il “carcere duro” previsto dall’articolo 41 bis dell’ordinamento carcerario era uno dei punti centrali della presunta trattativa fra lo Stato e Cosa nostra. Nel novembre del 1993 il ministro della Giustizia Giovanni Conso fa togliere il 41 bis a 334 detenuti per mafia, contro il parere della Procura di Palermo. L’ipotesi investigativa è che questa concessione sia una contropartita della trattativa, circostanza che Conso ha smentito. Nei documenti che seguono si trovano i nomi dei detenuti a cui è stato tolto il 41 bis in quegli anni, e l’informativa della Procura di Palermo che insiste perché il carcere duro sia mantenuto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

CASO BELSITO-LEGA, LE CARTE DI MILANO E REGGIO CALABRIA

prev
Articolo Successivo

Trattativa, i documenti/2. La lettera dei familiari dei boss al presidente Scalfaro

next