Il “carcere duro” previsto dall’articolo 41 bis dell’ordinamento carcerario era uno dei punti centrali della presunta trattativa fra lo Stato e Cosa nostra. Nel novembre del 1993 il ministro della Giustizia Giovanni Conso fa togliere il 41 bis a 334 detenuti per mafia, contro il parere della Procura di Palermo. L’ipotesi investigativa è che questa concessione sia una contropartita della trattativa, circostanza che Conso ha smentito. Nei documenti che seguono si trovano i nomi dei detenuti a cui è stato tolto il 41 bis in quegli anni, e l’informativa della Procura di Palermo che insiste perché il carcere duro sia mantenuto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

CASO BELSITO-LEGA, LE CARTE DI MILANO E REGGIO CALABRIA

next
Articolo Successivo

Trattativa, i documenti/2. La lettera dei familiari dei boss al presidente Scalfaro

next