Il rapporto dell’Associazione Editori Americani (Aap) indica che per la prima volta i ricavi delle vendite di e-book ha superato quella dei libri cartacei. Troppo presto però per parlare del clamoroso sorpasso che tutti si attendono: i dati si riferiscono infatti alle edizioni a copertina rigida (“hardcover”), ovvero escludendo dal computo i tascabili e le edizioni economiche. Dalla ricerca, poi, emerge che il numero di “lettori elettronici” è in crescita: il 21% dei cittadini statunitensi ha letto almeno un e-book nell’ultimo anno. Lo studio si riferisce al febbraio di quest’anno, mentre a dicembre la percentuale era del 17%. L’aspetto più interessante riguarda però il numero di testi letti. Gli appassionati di e-book leggono mediamente di più di quanto facciano i lettori di libri su carta. Secondo il rilevamento, infatti, chi si è rivolto al formato elettronico avrebbe “consumato” una media di124 titoli nel corso dell’anno, contro i 7 degli aficionados delle pagine di carta. Se si allargano gli orizzonti a pubblicazioni, riviste e quotidiani, l’esercito dei lettori digitali cresce ulteriormente con una percentuale del 46% di intervistati che avrebbero fruito dei contenuti su piattaforma digitale, sia essa un e-book reader, un classico computer, un tablet o uno smartphone.

E in Italia? Mondadori riporta numeri che confermano un trend in crescita: nei primi 3 mesi di quest’anno la casa editrice milanese ha venduto più e-book che in tutto il 2011, con una media di 2.500 download al giorno. I numeri sono in linea con quelli nazionali, che parlano di un incremento di vendite che nel 2012 sono destinate, secondo alcuni dati, a quadruplicare. Anche dalle parti di Feltrinelli i libri elettronici segnano un progresso: se al momento rappresentano soltanto lo 0,9% del fatturato complessivo, secondo le stime potrebbero arrivare al 4-5% nel giro di un anno o due. La prossima frontiera per gli ebook sarà quella dei fumetti e dei libri per bambini. A guidare l’assalto è ovviamente Amazon, che ha aggiornato le sue applicazioni Kindle dedicate a iOS e Android per consentire la lettura di fumetti, graphic novel e libri illustrati per bambini. L’aggiornamento ha coinvolto anche la piattaforma Kindle Cloud Reader, utilizzabile su computer attraverso il browser. Esclusi, per il momento, gli e-reader del gigante americano, che sfruttando l’inchiostro elettronico non possono riprodurre le immagini a colori di queste pubblicazioni. L’unico dispositivo di Amazon in grado di visualizzare immagini a colori è il Kindle Fire, il tablet basato su sistema Android che negli Stati Uniti viene venduto all’allettante prezzo di 199 dollari. In Italia, però, non è ancora disponibile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’innovazione secondo Trenitalia

prev
Articolo Successivo

Anche i musei ‘Pinnano’ su Pinterest

next