“La Sindrome di Quirra non è più un mistero”. Sembra non avere dubbi il Procuratore di Lanusei Domenico Fiordalisi sulle fonti dell’inquinamento che hanno contaminato e, con tutta probabilità, continuano a inquinare parte dei territori dei comuni sardi su cui si sviluppa il Poligono sperimentale del salto di Quirra (Pisq). Oggi, presso il Tribunale di Lanusei, al via la prima delle udienze preliminari per la verifica della fondatezza delle ipotesi accusatorie formulate dal magistrato. Dopo quasi un anno e mezzo di indagini sono 20 le persone che, a vario titolo, sono chiamate a rispondere del disastro ambientale e delle mancate misure per evitare possibili conseguenze su militari e popolazione. È lo stesso magistrato a ripercorrere ai microfoni de ilfattoquotidiano.it i principali passaggi del suo lavoro di accertamento. Un lavoro che è anche alla base della recente approvazione, da parte della Commissione uranio impoverito, di una relazione presentata dal senatore Gian Piero Scanu (Pd) che prevede la progressiva dismissione dei poligoni di Teulada e Capo Frasca e la riconversione di quello del Salto di Quirra, oltre che delle necessarie e urgenti bonifiche del territorio di Carlo Porcedda

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Addio nucleare”, in Giappone 8 milioni di firme contro la riattivazione delle centrali

prev
Articolo Successivo

Meno Tav, più cultura

next