E’ definitiva l’assoluzione del senatore Marcello Dell’Utri dall’accusa di tentata estorsione nei confronti dell’imprenditore Vincenzo Garraffa, ex patron della Pallacanestro Trapani. E’ quanto deciso dalla Seconda sezione penale della Cassazione che ha respinto il ricorso della Procura di Milano contro il proscioglimento emesso il 20 maggio 2011.

Nella sua requisitoria, il sostituto procuratore generale della Cassazione Oscar Cedrangolo aveva chiesto il rigetto del ricorso della Procura milanese e la conferma del verdetto di proscioglimento formulato “perché il fatto non sussiste”. Dopo due precedenti annullamenti, è questa la terza volta che la suprema corte ha affrontato questa vicenda nata nel 1991.

Secondo la ricostruzione dell’accusa, attraverso la Publitalia, guidata allora proprio da Marcello Dell’Utri, erano arrivati a Garraffa per una sponsorizzazione, un miliardo e 700 milioni di vecchie lire. La metà della somma gli sarebbe stata chiesta indietro, in nero, ma l’imprenditore si era rifiutato e allora gli sarebbero stati inviati due uomini d’onore per fargli cambiare idea. Secondo il verdetto assolutorio, però, mancava la prova che la visita dei due mafiosi (Virga e Buffa) a Garraffa fosse “finalizzata ed idonea ad incutere timore”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mafia, Cuffaro assolto da concorso esterno “Già giudicato per gli stessi fatti”

prev
Articolo Successivo

Caso Lusi, il tesoriere che ha saccheggiato le casse della Margherita

next