Non sappiamo ancora chi vincerà gli Europei 2012, ma un vincitore morale c’è già, e non è in campo. Trattasi di Giuseppe Dossena, detto Beppe, ex calciatore della mitica Samp di Vialli e Mancini e allenatore “esotico” (prima ha guidato il Ghana, ora è sulla panchina della squadra etiope St. George), che affianca Bruno Gentili nelle telecronache degli Azzurri. Il commento tecnico di Beppe Dossena meriterebbe una rubrica a parte, perché il Nostro non perde occasione per esibirsi in arzigogolate espressioni che costringono il telespettatore a sforzi cerebrali immani. Inutili, peraltro, visto che non si può cercare un senso di qualcosa che un senso non ce l’ha.

E per rendere omaggio a questo genio incontrastato del commento tecnico, abbiamo selezionato alcune frasi memorabili che Dossena ha pronunciato ieri sera, durante la telecronaca di Italia-Irlanda.

Urologia portami via
“Questa palla non è scesa…” Hai provato a battere i piedi a terra?

Schema infallibile
“Nella difesa a quattro uno si stacca e due coprono”. Il quarto aspetta fuori con la macchina accesa?

SlangBang
“Qui però dobbiamo matchare”. “Non prima di aver briffato”, ha subito risposto Nicole Minetti.

Outing
“Diamanti va con l’uomo”. E uno. L’altro gay chi è?

Diottrie
“Quando sei stanco vedi 20 metri di campo”.

Ape Time
“Marchisio e De Rossi uno spritz contro la palla”. Per me un Mojito, grazie.

Pensieri Zen
“Se la palla è 20 metri dietro di te, tu fanne 10 in avanti”

Occlusione a centrocampo
“De Rossi non poteva andare di corpo”

24 ore di Poznan
“Dobbiamo sterzare così loro vanno a vuoto!”

I beg your pardon?
“De Rossi ha fatto contrasti diretti e contrasti indiretti”

“Tiro di taglio a giro di piatto dritto”

“L’afa ci ha tolto alcune certezze”

Ground control to Major Tom
“Chiellini ha perso il contatto”

Comunicazione di servizio
“Abbiamo trovato le chiavi”

Grazie ar c…
“Se non c’era l’avversario era gol”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Euro 2012, niente “biscotto” spagnolo. L’Italia vince con l’Irlanda e passa ai quarti

prev
Articolo Successivo

Calciopoli cinese, condanne esemplari per gli ex vertici della federazione

next