Bugie, depistaggi, inchieste finite in nulla e un mistero lungo oltre 40 anni. E la storia di Mauro De Mauro giornalista de “L’Ora” rapito a Palermo una sera di settembre del 1970. Da allora non si seppe più nulla del giornalista che fra le altre cose aveva indagato sul misterioso incidente aereo in cui morì il presidente dell’Eni Enrico Mattei. Ora un libro, ‘Il caso De Mauro. Così scompare un giornalista’ cerca di fare luce su un mistero lungo 4 decenni. A scriverlo un giovane cronista siciliano, Giuseppe Pipitone. “Il caso De mauro è un caso simbolo di cosa vuol dire fare giornalismo d’inchiesta e come si muove questo paese davanti a verità che non si possono svelare”Ho battuto principalmente la strada che vede per la prima volta Cosa Nostra essere un service dell’orrore. Franca De Mauro è la figlia del giornalista ucciso. Fu l’ultinma a vederlo quella sera, la vigilia del suo matrimonio.”Ogni volta che c’è una commemorazione per le vittime della mafia il suo nome non c’è mai

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lazio, consigliere regionale Pdl: “E vieni a rompere i coglioni a me?”

prev
Articolo Successivo

Caso Sesto, il giorno delle perquisizioni Sarno a Penati: “Un bel casino”

next