Mondo dello sport in lutto. La notte scorsa, attorno all’una, Alessio Bisori, 24enne nazionale di pallamano, si è buttato sotto treno in arrivo al primo binario della stazione di Bologna. Il ragazzo è stato travolto dall’Intercity in transito ed è morto all’istante. Polizia ferroviaria e paramedici del 118 sono intervenuti subito ma per il ragazzo non c’è stato nulla da fare.

Bisori, nazionale di pallamano, era partito da Prato e si stava recando a Fasano (Brindisi) per raggiungere il ritiro  della nazionale azzurra, dopo aver soggiornato in un hotel di Bologna. Proprio nella stanza d’albergo è stato rinvenuto un biglietto con cui chiede ha chiesto scusa ai genitori per il gesto: “Scusatemi, non riesco più a vivere”. Nel biglietto il ragazzo avrebbe anche scritto alla famiglia che non ci sono motivazioni di lavoro dietro alla sua decisione di farla finita.

Alessio Bisori era nato a Prato il 14 febbraio del 1988, ed ha giocato nell’AlPi Prato, nel Bologna United, e nell’Ambra con 24 presenze in Nazionale. Il Presidente Federale Francesco Purromuto ha disposto un minuto di silenzio in occasione di tutte le manifestazioni sportive della pallamano che si disputeranno in Italia nella giornata di oggi e nel prossimo week-end. La nazionale italiana, infine, impegnata dall’8 al 10 Giugno a Bari nel Torneo di qualificazione agli Europei del 2014, scenderà in campo con il lutto al braccio. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terremoto, è emergenza animali. Enpa, Lav e volontari per aiutare cani e gatti

prev
Articolo Successivo

Terremoto, il concerto dei Radiohead da Piazza Maggiore potrebbe finire al Parco Nord

next