Liberi su cauzione. I due marò hanno lasciato la Borstal School e trascorreranno la notte in un albergo di Kochi. Il tribunale di Kollam ha infatti accolto oggi documenti e garanzie relativi alla concessione della libertà dietro cauzione (bail) per Massimiliano Latorre e Salvatore Girone.  I due militari del battaglione San Marco sono accusati di aver ucciso il 15 febbraio scorso due pescatori indiani davanti le coste del Kerala, durante un’operazione anti-pirateria a bordo della nave italiana Enrica Lexie

L’autorizzazione è stata consegnata al sovrintendente della Borstal School dove i due marò risiedevano. Per quasi tre ore l’ufficio del ‘Chief Judicial Magistrate’ è stato al centro di un’intensa attività degli impiegati che raccoglievano i necessari nulla osta dai diversi uffici per rendere esecutivo il ‘bail’. Poi l’autorizzazione è passata nelle mani della delegazione italiana a Kochi, distante 160 chilometri (tre ore e mezza d’auto da Kollam), per consegnarla al sovrintendente della Borstal School, K Anil Kumar.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mezzo 2 Giugno al Colle Oppio

prev
Articolo Successivo

Il Fisco premia con 285 milioni di euro le concessionarie delle slot machine

next