Dopo la catastrofe del terremoto in Emilia Romagna , Antonio Di Pietro e molti altri hanno chiesto al presidente della Repubblica di annullare il ricevimento del primo giugno nei giardini del Quirinale e la parata militare del 2 giugno perché – ha detto Di Pietro – “è una follia sperperare tanti soldi: in un momento così difficile per il nostro Paese, colpito da una gravissima crisi economica e flagellato in queste ore dal terremoto, è opportuno utilizzare quei fondi per fini sociali e di solidarietà. Sarebbe il modo migliore per onorare la nostra Repubblica”. Ma il presidente Giorgio Napolitano ha risposto che non intende annullare nulla, e anzi “non possiamo soltanto piangerci addosso. Ne deduciamo che una popolazione terremotata con diciassette morti si salva solo con i ricevimenti e con le sfilate, o abbiamo capito male? Signor Presidente, per favore, ci illumini. E poi chieda scusa e cambi idea.
di Franca Rame, Jacopo e Dario Fo


close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’assemblea di Bankitalia. La diretta Twitter de ilfattoquotidiano.it

prev
Articolo Successivo

La replica del deputato di Fli Aldo Di Biagio

next