L’ex presidente della Banca Popolare di Milano Massimo Ponzellini si è dimesso da presidente di Impregilo. Il dirigente d’azienda si trova agli arresti domiciliari nell’ambito dell’inchiesta milanese su finanziamenti sospetti e presunte mazzette per 5,7 milioni di euro. A dare notizia delle dimissioni la stessa impresa di costruzioni. L’azienda ha peraltro oggi sofferto molto in Borsa con ripetuti ribassi verosimilmente proprio dopo la notizia dell’arresto di Ponzellini.

Le dimissioni – spiega Impregilo – sono state motivate dalla volontà di Ponzellini “di consentire alla società di continuare a operare con grande trasparenza in tutti i mercati, evitando possibili strumentalizzazioni, anche indirette, con le vicende giudiziarie che lo hanno coinvolto in questi giorni per fatti attinenti a un altro incarico professionale ricoperto in passato”. Ponzellini si è dimesso sia dalla carica di presidente sia da quella di consigliere d’amministrazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terremoto Emilia, nuova forte scossa alle 21. Ed è allarme sciacalli: tre arresti

prev
Articolo Successivo

Caso Lusi, il Riesame: “Dai fondi della Margherita mancano altri 50 milioni”

next