“Abbiamo deciso di non tenere le iniziative del 2 giugno e dedicare la giornata a un’iniziativa simbolica recandoci nei posti più toccati dal terremoto in Emilia“. Così il segretario generale della Cisl Raffaele Bonanni, a nome di tutti e tre i sindacati confederali ha annunciato la decisione di rimandare la manifestazione già indetta per la festa della Repubblica dopo il terremoto in Emilia Romagna. Appuntamento solo rimandato quindi al 16 giugno quando Cgil Cisl e Uil scenderanno in piazza contro le decisioni del governo in materia di lavoro, fisco e welfare. Quanto al sisma, tra le strutture nazionali delle tre sigle sindacali e Confindustria è stato siglato un accordo che prevede di sostenere un impegno di solidarietà verso le popolazioni, i lavoratori e il sistema produttivo duramente colpiti dagli eventi sismici di questi giorni, con l’attivazione di un fondo nazionale di intervento.

L’accordo prevede che il fondo sia alimentato dai contributi volontari da parte dei lavoratori pari a un’ora di lavoro e da un contributo equivalente da parte delle imprese. L’utilizzo delle risorse – comunicano i tre segretari in conferenza stampa congiunta – sarà gestito in piena trasparenza, portando alla conoscenza di lavoratori, aziende e cittadini il rendiconto delle somme raccolte e dei progetti che saranno sostenuti. A tale scopo è stato attivato, ed è già pienamente operativo, un conto corrente bancario presso la banca Carisbo sede di Bologna intestato: Confindustria, Cgil, Cisl, Uil, Fondo intervento a favore delle popolazioni, dei lavoratori e del sistema produttivo regione Emilia Romagna e provincia di Mantova. Per i versamenti l’Iban è il seguente: “IT11 N063 8502 4011 0000 0012 900”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tremila euro per diventare (forse) insegnanti

prev
Articolo Successivo

Riforma del lavoro: sì del Senato. Fiducia ok sul nuovo articolo 18

next