Da Firenze arriva una nuova storia che parla di strada, di scontri, di vittime e di proposte concrete. Una storia che ci parla anche di testimoni, di come mettere in contatto vittime e testimoni e ancora, e molto, di come sviluppare la cultura della testimonianza. Cinque giovani uomini, “amici di vecchia data”, hanno messo testa sul tema partendo dall’esperienza personale di uno di loro, David Di Pirro, ideatore del progetto, rimasto coinvolto in uno scontro “per il quale mi fu impossibile trovare testimoni nonostante gli innumerevoli tentativi. Il web è pieno di blog e annunci di vittime alla disperata ricerca di qualcuno che possa aver assistito. Da qui l’idea del sito condivisa con i miei amici Daniele Scagli, Christian De’ Tomassi, Simone Lottini e Giacomo Mattioli”.

Si chiama vittimaetestimone.com, è già stato tradotto in inglese (www.victimandwitness.com) ed entro fine anno sarà anche in francese, tedesco, russo e spagnolo. È stato pensato perché vi si possano rivolgere tutti, non solo italiani ed europei.

Un servizio, gratuito: basta registrarsi e digitare data, luogo e ora dello scontro, specificando se si è “vittima” o “testimone”. Da qui il sistema fornirà un elenco dettagliato degli eventi, se presenti, o fornirà una pagina per inserirlo. Nel caso poi figurassero “eventi già registrati e si volesse contattare l’utente in questione (che rimane sempre completamente anonimo), il programma provvederà a scambiare automaticamente l’indirizzo email fra gli utenti”.

L’idea è intelligente e potrebbe davvero essere di grande aiuto alle vittime della pirateria stradale in particolare. Certo, il banco di prova sarà proprio vedere in quanti si raccoglieranno intorno a quella voce, “testimone”, che sta al nostro senso civico, al nostro sguardo sugli altri, alla giustizia, al nostro senso di giustizia.

Parallelamente al portale, da una manciata di giorni, i cinque amici hanno fondato un’omonima associazione onlus proprio con lo scopo di diffondere la cultura del testimone.

Cosa ne pensate? Perché è così difficile trovare testimoni? Testimoniereste?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra o pace, gli scienziati a confronto: l’uomo moderno è più “cattivo”. Anzi no

next
Articolo Successivo

Patrie galere: la mappa interattiva dei morti in carcere dal 2002 al 2012

next