Un grande sorriso sul volto, poi gli applausi dei presenti fuori da un edificio di Manhattan, dove passerà la prima notte da uomo libero. Così è iniziata la nuova vita negli Stati Uniti del dissidente cinese non vedente, Chen Guancheng, arrivato a New York con un volo da Pechino insieme ai suoi più stretti familiari. Chen ha ringraziato il governo americano, ma ha espresso parole di apprezzamento anche per Pechino, sottolineando la “calma e disponibilità del governo cinese”.”E’ una meravigliosa vittoria – ha esultato l’attivista per i diritti umani Chai Ling – E’ una speranza per tutte le persone che stanno lottando per la giustizia in Cina. Dio ha voluto la sua libertà, per la quale avevamo tanto pregato. E oggi è un gran giorno”.La partenza di Chen della Cina ha messo fine a una crisi diplomatica durata un mese, iniziata dopo che il dissidente, che si era rifugiato nell’ambasciata degli Stati Uniti a Pechino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I Laogai e i diritti negati

prev
Articolo Successivo

Farah è scomparsa in Siria

next