Il Museo Geologico Nazionale a Roma è stato sgomberato delle sue preziosissime collezioni nel 1995 per un progetto di ristrutturazione del palazzo liberty di largo di Santa Susanna. Ma i lavori non sono stati mai portati a termine. E così le collezioni per cui era stato costruito dopo l’Unità d’Italia giacciono imballate da 17 anni. Smembrate in diversi magazzini e sotterranei di diversi edifici. E l’unico spazio espositivo di 300 mq è chiuso al pubblico, in attesa, anche questo, di essere sgomberato tra pochi giorni. Eppure negli anni passati ben due governi (nel ’96 e nel ’98) avevano stanziato i fondi necessari per dare una sede degna al museo. 150 mila reperti tra fossili di animali, piante, legni, microorganismi, ma anche ossa umane e minerali delle ere più diverse e tanto altro ancora. Tutto chiuso nelle scatole. “Il rischio serio è che questi reperti – dichiara Myriam D’Andrea dell’Ispra – si deteriorino irrimediabilmente” di Paola Mentuccia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Camorra, cambia il vescovo e il Santo non si inchina più sotto la casa del boss

next
Articolo Successivo

Caso Adinolfi, una lettera dal carcere aveva incitato a “colpire i manager”

next