L’Inghilterra non è sulla luna, al contrario è molto vicina.

Come ho spesso scritto , ciò che accade in Paesi vicini a noi, può essere preso ad esempio e applicato anche qui. Notizia di ora: Rupert Murdoch, il magnate australiano proprietario di Sky, era stato accusato tempo fa di avere permesso che i giornalisti del suo gruppo spiassero famosi personaggi dello spettacolo invadendone la privacy. Murdoch ieri 1 maggio è stato “ritenuto inadatto a guidare un grande gruppo industriale”, dalla speciale Commissione del Parlamento Britannico.

Dunque si può fare. L’hanno fatto loro, facciamolo anche noi.

Altra notizia: Il Cda della Rai è scaduto e va rinnovato così come l’Agcom, Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni. Oggi alcune associazioni tra cui Vogliamo Trasparenza e Move ON, porteranno il loro appello per nomine trasparenti alla Camera.

A questo indirizzo: redazione@articolo21.info, potete inviare la vostra scelta di candidati e candidate che ci rappresentino in Rai e si facciano fautori e fautrici del cambiamento che auspichiamo.

Un servizio Pubblico Democratico che rispetti le donne e gli uomini, che non li deumanizzi, che chieda agli autori/trici di sviluppare trasmissioni di entertainment divulgative ed educative: si può fare, la Bbc lo fa già. Facciamolo anche noi.

La tv è un agente di socializzazione potente nell’età formativa e non solo: chiediamo che svolga il ruolo che le spetta in un Paese democratico.

Tocca a noi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Le nomine dell’Agcom nel mirino dell’Onu Lettera all’Italia: “Serve più trasparenza”

next
Articolo Successivo

Se lo dice Report

next