Non solo in Italia le cose non funzionano. Anzi, l’erba del vicino può anche fare più schifo. Heathrow, aeroporto principale di Londra, il più trafficato dell’Unione Europea per numero di passeggeri (e terzo al mondo dopo quelli di Atlanta e Pechino) ma terzo, nell’Ue, per numero di movimenti aerei preceduto da Parigi-Charles de Gaulle e Francoforte. E’ anche l’aeroporto con il più alto numero di movimenti di passeggeri di voli internazionali. L’aeroporto è dotato di cinque terminal, l’ultimo dei quali, il terminal 5, inaugurato il 15 marzo 2008, viene utilizzato in esclusiva dalla British Airways (beati loro), la compagnia di bandiera del Regno Unito, e può gestire, potenzialmente, 30 milioni di passeggeri l’anno.

Basta così? I guai cominciano proprio per quei disgraziati di viaggiatori che atterrano al Terminal 1, ossia la maggior parte dei voli provenienti dall’Europa. Mercoledì 25 aprile ( giorno di Festa per noi, ma non per gli inglesi), atterro a Heathrow intorno alle 19, orario di punta, mi avvio al controllo passaporti e davanti a me un oceano di persone in fila. Mi guardo intorno sbigottita, mi chiedo se sia successo qualcosa. Un tale avanza un’ipotesi di guasto al sistema computerizzato dei controlli passaporti. Ma un altro che fa il pendolare con Dusseldorf smonta la sua ipotesi: “E’ così dall’inizio dell’anno, da quando hanno ridotto il personale c’e’ sempre fila e l’attesa è anche di un’ora e mezza”.

A questo punto non mi resta che prendere la mia camera digitale e mi fotografo intorno. Ma vengo subito allertata in malo modo da due energumeni del servizio di sicurezza che mi intimano di cancellare le foto appena scattate. Protesto vivamente e con un trucchetto riesco a salvarne una, quella qui pubblicata. Arriva finalmente il mio turno, conto 33 gabbiotti di polizia doganale e con mio stupore e incazzatura solo cinque, dico 5, in funzione. Finite le formalità, esco dall’aeroporto e una scritta al neon a caratteri cubitali (sembra di essere a Piccadilly Circus) ci informa, per chi non lo sapesse, che Heathrow è Pride to host the Olimpic Games 2012.

Altro che orgoglio da sprofondare dalla vergogna!

P.S. Nel 2013 è prevista la demolizione per il completo rifacimento del Terminal 1 da completarsi entro il 2019. Speriamo bene.

Aggiornamento del 2 Maggio 2012

A sostegno di questo post mi segnalano due link utili per approfondire la questione: http://www.bbc.co.uk/news/uk-politics-17925904http://boingboing.net/2012/04/29/uk-border-authority-orders-hea.html

di Januaria Piromallo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lotta all’Islam e solidarietà a Breivik, in Uk spira il vento dell’estrema destra

next
Articolo Successivo

Europei in Ucraina, l’affondo dell’Uefa: “Non escluso il rinvio”. Poi la smentita

next