Alessandro Profumo è il nuovo presidente della Banca Monte dei Paschi di Siena. L’ex amministratore delegato di Unicredit è stato eletto dall’assemblea dei soci ottenendo le preferenze del 97,8 per cento degli aventi diritto. La proclamazione è stata fatta dal presidente uscente Giuseppe Mussari.

La lista espressione della Fondazione Mps ha ottenuto il 61% dei voti e 6 consiglieri su 12. Sono stati eletti così Profumo, Fabrizio Viola (prossimo amministratore delegato), Paola Demartini, Tania Groppi, Angelo Dringoli e Marco Turchi.

La seconda lista, con il 30,3% dei voti e proposta da Unicoop Firenze, Finamonte (Aleotti) e Gorgoni, vede Turiddo Campaini, Lorenzo Gorgoni, Alberto Giovanni Aleotti, Pietro Giovanni Corsa e Michele Briamonte (espressione di diversi fondi privati internazionali fra cui Timelife del finanziere Raffaele Mincione). La terza, di Axa (7,1% dei voti), conferma Frederic Marie de Courtois d’Arcollieres.

Profumo ha assicurato che rinuncerà al compenso da presidente, notizia accolta con soddisfazione dal sindaco di Siena Franco Ceccuzzi (Pd) e con freddezza dal capogruppo del Pdl al Senato Maurizio Gasparri che, garantendo che verrà verificato che davvero Profumo non riceverà uno stipendio, ha osservato che quello del banchiere non è “un atto eroico”: d’altronde ha incassato una liquidazione milionaria “scandalosa” da Unicredit, specie “se paragonata agli esiti assolutamente negativi della sua gestione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Val Susa e il senso comune scientifico

next
Articolo Successivo

Crisi, ci salverà il terzo settore?

next