Ho più volte espresso le mie opinioni negative sul governo Monti, sulla sua azione “riformatrice”, sulla compagine tutt’altro che sobria e sempre all’altezza della situazione e sullo stesso Monti, sulla sua provenienza e la sua cultura politica, che in un precedente post scritto al momento dell’insediamento descrissi come il pugno di ferro dei banchieri e della finanza internazionale. Oggi, del tutto casualmente, mi sono imbattuto in questo video su YouTube relativo a un intervento del capo del governo, precedente all’incarico pubblico. Ascoltatelo, al netto delle sovrimpressioni, e… riascoltatelo e poi… ascoltatelo un’altra volta ancora!

Devo dire di essere rimasto integralmente sbigottito, anzi senza fiato. Infatti, una cosa è aver intuito, interpretato e descritto talune questioni e determinati disegni, altra cosa è sentirle dire dalla voce ineffabile dell’artefice il cui suono metallico fa subito venire in mente quella di un droide. L’impianto ideologico di Monti ha un perno: la crisi come potente motore delle riforme. Anzi più dura è la crisi, più vasta è l’emergenza più consistente sarà la cessione di sovranità degli stati europei. Concetto espresso in termini sostanzialmente analoghi da Mario Draghi. Ma quali riforme? E soprattutto cessione di sovranità a chi e per cosa? Non saprei dire se taluni passaggi dell’intervista di questo anziano miliardario dall’aria apparentemente bonaria siano eversivi della legalità costituzionale, ma sono certo che ricorrono tutti gli estremi politici perché un Parlamento libero e sovrano voti massicciamente una mozione di sfiducia. Ma quale Parlamento nel nostro caso? Quello di Scilipoti, Razza, Lusi, Belsito, Tedesco, Scajola, e delle diverse decine di corrotti e indagati?

Certamente, dopo aver sentito questa intervista, anche al cittadino più lontano dagli affanni e dalle brutture della politica dei nostri tempi resta in bocca il sapore amaro e secco della paura. La paura di ciò che potrebbe ancora accadere…

PS. Nel frattempo si è appresa la notizia che un avvocato cagliaritano abbia denunciato per attentato alla Costituzione i vertici dello Stato italiano… da Napolitano e Monti in giù…

Capperi!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

5xmille ai partiti?
E che c’azzecca?

prev
Articolo Successivo

Via Lenin? E noi paghiamo

next