Lo so che è un’analisi riduttiva e semplicistica, incapace di cogliere la complessità delle cose. Ma nella vicenda della sospensione delle pubblicazioni de “Il Riformista” c’è anche un brandello dello scontro generazionale che sta avvelenando questo paese.

Uno scontro che lascia sul campo milioni di trentenni e quarantenni a spasso o a pietire contrattini da fame, mentre la ultratutelata generazione dei 60-70enni (e oltre) continua ad accaparrarsi tutto l’accaparrabile. Il Riformista, dicevamo. Da un lato il direttore uscente, l’88enne Emanuele Macaluso, che Wikipedia ci descrive come “politico, sindacalista e giornalista italiano”, deputato dal 1963 al 1976 e senatore dal 1976 al 1992 e quindi titolare della superpensione spettante agli ex parlamentari, che prima traghetta il giornale verso la chiusura, e poi dichiara che sta valutando nuove proposte di collaborazione, beato lui.

Dall’altro i numerosi, giovani e talentuosi cronisti che la chiusura del quotidiano fondato da Velardi e Polito costringe alla disoccupazione. C’è qualcosa di normale in questa inarrestabile deriva?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Art. 18: vicende esemplari

prev
Articolo Successivo

Esodati, i numeri del ministero: “Sono 65mila, le risorse accantonate per loro sono adeguate”

next