Michele Santoro nello studio di Servizio Pubblico

Puntata speciale di Servizio Pubblico, che in attesa di tornare in diretta il 19 aprile, questa sera propone dalle 21 un approfondimento dal titolo “La mafia che cambia”. Come ogni giovedì sarà possibile seguire la trasmissione di Michele Santoro dalle 21 su una multipiattaforma web-tv che include Cielo (canale 26 del digitale terrestre), una rete di televisioni territoriali, Sky Tg24 (canali 504 e tasto active dei canali 500 e 100), web (oltre il sito dello stesso programma serviziopubblico.it, Corriere.it e il fattoquotidiano.it), e in streaming su YouTube, oltre che sulla pagina Facebook del programma e su Radio Radicale.

Nella prima andrà in onda “La mafia è bianca”, il documentario di Stefano Maria Bianchi e Alberto Nerazzini in cui indagini, intercettazioni telefoniche e ambientali, pedinamenti, interrogatori e processi disegnano la trama di un giallo popolato da boss di Cosa Nostra, potenti uomini politici, imprenditori milionari, pentiti di mafia e medici. Il film racconta i cambiamenti dell’organizzazione criminale sotto la guida del superlatitante Bernardo Provenzano e pone pesanti interrogativi sull’oscuro intreccio tra la criminalità organizzata e la politica e documenta una nuova stagione del potere.

A seguire, il documentario “A un passo dalla verità” con eccezionali documenti video, scovati tra le migliaia di atti giudiziari delle inchieste sulla strage di via D’Amelio e sulla trattativa. E tre interviste esclusive: la versione integrale dell’intervista di Dina Lauricella ad Angelo Provenzano, il figlio del Capo dei Capi, che già tante polemiche ha suscitato; l’intervista inedita di Sandro Ruotolo al collaboratore di giustizia Angelo Siino, conosciuto anche come “il ministro ai lavori pubblici di Cosa nostra”, che, per primo, a sorpresa, parlò della trattativa prima ancora che se ne ipotizzasse l’esistenza, e quella al collaboratore di giustizia Francesco Di Carlo, che più volte nelle sue dichiarazioni ha parlato degli interessi della mafia a Milano e di Marcello Dell’Utri. Tante le domande rimaste senza risposta: perché fu ucciso Paolo Borsellino? Chi spinse la mafia verso la deriva terroristica? Quali segreti tacciono, ancora oggi, i protagonisti di quella stagione? A vent’anni dalle stragi, i processi raccontano di trattative tra Stato e mafia e di inquietanti depistaggi. Ma le verità giudiziarie, come mostrerà il documentario, sono ancora parziali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caso dplmodena: il ministro non sapeva

prev
Articolo Successivo

Questa Rai gioca al ribasso

next