37 anni fa morivano 13 operai per lo scoppio avvenuto all’interno della Flobert,  una fabbrica di armi a giocattolo di S. Anastasia (Na); come ricorda la cronaca di Luigi Necco, nel commovente ricordo de “e Zezi”, gruppo operaio di Pomigliano d’Arco. Pomi

La storia si ripete anzi peggiora. La mattanza dei morti sul lavoro non si è mai fermata e non possiamo permettere a niente e a nessuno di cancellare le conquiste del movimento operaio. L’articolo 18 non si tocca

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’importante è che non faccia male

prev
Articolo Successivo

A Genova si mettono all’asta i malati psichici…

next