L’articolo di Massimo Fini sul nostro giornale, un omaggio commosso alla statura politica di Bossi, mi avrebbe fatto veramente drizzare i capelli se mai ne avessi avuto ancora qualcuno. Dirò meglio allora: mi si è rivoltato lo stomaco. Se l’avessi letto su “Libero” o “il Giornale” o “la Padania” come sarebbe scontato, sia pure a sua firma mi avrebbe fatto sorridere di compassione per l’autore. Leggerlo sul “Fatto” mi ha fatto venire i sorci verdi. Va bene la provocazione, e lui è un maestro in questo, ma qui si esagera tanto più che non visto nessun dibattito di idee. E forse è giusto così. Di fronte a quella opinione non vale la pena dibattersi. Ma a me disturba che nessuno abbia nulla da dire. Neanche l’ottimo articolo di Furio Colombo del giorno dopo, infatti, e con lo stesso argomento, fa cenno a quell’articolo di Fini, antitetico, comparso sul suo (nostro) stesso giornale.

Colombo cita per smontarle queste parole: “Bossi aveva tutti contro, ma ha contribuito a scardinare la prima repubblica portando istanze nuove…” e poi ancora “sono sconfitti a cui va riconosciuto l’onore delle armi” sono parole di Pierluigi Battista e di Michele Brambilla, tali e quali a quelle di Fini pubblicate sul Fatto. Con l’aggiunta patetica di Fini a chiusura del suo articolo: “Voglio dirgli con rispetto, con ammirazione e con affetto: grazie Umberto”. E Padellaro e Travaglio? Nulla da ridire o da ridere?

A mò di piccola, personale protesta, significando: “Non contate su di me” riporto il mio pensiero su Bossi e la Lega in generale che è poi quella di Alexander Stille (pubblicata sul suo blog di Repubblica): purtroppo molti salutano l’uscita di scena di Bossi come quella di un grande uomo politico travolto dalla malattia e da un entourage poco affidabile. Invece è stato ed è solo un cialtrone opportunista, cafone, razzista e ignorante. E solo altri ignoranti e razzisti e opportunisti hanno potuto fargli da contorno aiutandolo a trascinarci nella merda tutti quanti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PADRINI FONDATORI

di Marco Lillo e Marco Travaglio 15€ Acquista
Articolo Precedente

Wu Ming, un nuovo libro su Robespierre e il 1789: “E’ urgente parlare di rivoluzione”

next
Articolo Successivo

Lega nord, la Procura apre un’inchiesta. Nella bufera i conti di “nazione” Emilia

next