É tutto vero, anche se sembra uno scherzo. Un supereroe mascherato e padano in lotta contro il male.

È stato risputato da Internet un fumetto di ben 23 pagine e risalente al 2006 (si scarica qui). Si intitola Capitan Padania e racconta le gesta di un bullo con casco e spada laser, congegni elettronici e “scudo telecomandanto” che sguazza tra i leghisti e vuole la “Padania libera”.

La “storia” è ambientata ai tempi del dibattito sull’ingresso della Turchia in Europa. Durante una manifestazione leghista in cui si inneggia “alla radici cristiane” e si urla contro il pericolo islamico, un gruppo di kamikaze “turchi” (sic!) si presenta per “spazzare via gli infedeli”. Invece di farsi esplodere, i kamikaze lanciano un missile di bazooka contro Bossi (con trent’anni di meno) ma è il super-scudo dell’eroe a salvare il Senatur.

Il tutto continua con dialoghi assurdi (“Turco, turchino, turchese, chi sarà il primo ad andare a quel paese?”); frasi in dialetto, stereotipi della peggior specie, scazzottate, anatemi di Bossi (“Contro il terrorismo e la macchinazione eversiva…”).

Il fumetto colpisce perchè inquadra perfettamente la dotta analisi politica leghista. Il mondo è ridotto a un fumetto dove i leghisti che vorrebbero vivere “nella Padania libera” sono sempre minacciati dai cattivi – è solo un caso che questa volta si tratti dei turchi, con  l’anello al naso tipo i colossal esotici anni quaranta.

É un mondo semplice, facile da capire, quello della Lega Nord, un mondo nel quale piangersi addosso perchè viene sempre incontro un nemico da agitare come spauracchio: “Oggi abbiamo sconfitto alcuni terroristi, domani tutti i nostri nemici” urla Capitan Padania in una delle strisce finali.

Ecco sì, ora non ridete. Che hanno governato l’Italia per vent’anni. E  animati da odio cieco, nella parte dei cattivi si sono sempre trovati benissimo.

twitter.com/fedemello

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Rai rischia 200 milioni di rosso. Ma per Lorenza Lei i conti sono in ordine

next
Articolo Successivo

“Vogliamo trasparenza”: un sito chiede conto delle nomine pubbliche ai partiti

next