Ah Tao (Deanie Ip) da decenni è la domestica di una famiglia di Hong Kong, di cui ha visto nascere quattro generazioni. Ormai tutti sono andati a vivere negli Stati Uniti e lei è rimasta sola con Roger, produttore cinematografico che negli Usa ha studiato e a cui ha fatto da tata quando era bambino. Un giorno Ah viene colpita da un infarto e chiede a Roger di poter andare in pensione in un ospizio. Un po’ alla volta, il produttore restituirà quel debito di affetto che la sua famiglia ha nei confronti dell’anziana signora.

A simple life è un film lieve e non è detto che durante la visione si comprenda a fondo quanto sia duro e realista. Non è un film sulla solidarietà, A simple life. Né un film sentimentale, né tanto meno un film che racconta il “ribaltamento” di un rapporto o di una prospettiva: Roger è e resta il “padrone”, Ah è e resta la “domestica”. Ma nessuno è a disagio nel proprio ruolo. A simple life è piuttosto un film sul dovere della riconoscenza. Sul dovere di essere giusti rispetto a ciò che abbiamo ricevuto. Ah si è presa cura di una famiglia con discrezione e precisione (vedi il rapporto con il cibo, che deve essere impeccabile) e Roger assume come atto indiscutibile prendersi cura di lei accompagnandola verso la fine dei suoi giorni.

L’affetto è un sentimento tra le righe ma sempre presente in ciò che è bene fare. L’affetto è la risonanza dei gesti opportuni. A prima vista non appare: nelle scene iniziali, potremmo pensare che non c’è alcun rapporto tra Roger e Ah, mentre lui mangia e lei semplicemente imbandisce la tavola, cucina e lo serve. A prima vista, appunto. Quello di Ann Hui è un film che procedendo disegna, ogni istante, i dettagli di una realtà densa e mai univoca. Emblematica, in questo senso, la vita dell’ospizio in cui viene portata la protagonista: un incubo inospitale, un luogo infernale appena arrivati, che poi si trasforma in spazio di condivisione. Ovvero in luogo vissuto da un’umanità variegata: vecchi ormai privi di parola, infermiere gentili, anziani ancora in vena di divertisti, donne che giocano a mah-jong. Un luogo in cui alla fine si condivide un pezzo di esistenza con gli altri, legando le proprie giornate a quelle di chi ci sta a fianco. Ed è questa, in fondo, la base dell’affetto tra Roger e Ah Tao: la vicinanza fisica è un invisibile filo che genera sentimento.

L’attraversamento degli spazi e la loro mutazione sono uno dei punti dominanti in un film dove più che mai i luoghi di una vita vengono percorsi, lasciati, venduti. Perché non esiste uno spazio puramente affettivo o puramente “economico”, ma una molteplicità di sensi in ogni luogo. In A simple life enorme e degno di interesse è poi ovviamente il tema della vecchiaia in paesi e società in cui è la famiglia, e rarissimamente lo Stato, a doversi occupare del sostentamento degli anziani. Ma ancora più interessante è il rapporto tra classi sociali che è di rispetto, di dignità, mai di equivalenza. I due protagonisti non si mischiano né minimamente combattono dialetticamente: restano quello che sono sempre stati, rispettando le distanze senza però nascondere la dimestichezza domestica che negli anni hanno accumulato. Raffinato, composto, lontano – perché lontana da noi l’idea che il riconoscimento non significhi al fine “parità” – A simple life ricorda Ozu per la commistione tra grazia e ferocia. Che a tratti interviene (nel finale Roger non fa quel che il protagonista di un film “sentimentale” farebbe) rendendo tutto tremendamente vero. Coppa Volpi a Deannie Ip per la miglior interpretazione all’ultimo festival di Venezia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Youngabout, il festival per giovani (e adulti) che amano il cinema

prev
Articolo Successivo

Doc at Home da Firenze a Modena, i documentari entrano nelle case private

next