I numeri sono quelli che sono.

La Volkswagen ha chiuso il 2011 con 160 miliardi di fatturato e 15,8 miliardi di utile. L’amministratore delegato Martin Winterkorn ha incassato 6 milioni di stipendio e 11 milioni di bonus. E a ciascuno dei 90 mila dipendenti è andato un premio di 7.500 euro.

La Pirelli ha chiuso il 2011 con un fatturato di 5,6 miliardi di euro (un ventottesimo di quello Volkswagen) e un utile di 440 milioni (un trentaseiesimo di quello della casa automobilistica tedesca). Però il presidente e azionista di controllo della Pirelli, Marco Tronchetti Provera, ha pensato bene che darsi un premio in proporzione poteva apparire umiliante: avrebbe dovuto accontentarsi di 305 mila euro, un trentaseiesimo del premio di Winterkorn. E così si è assegnato un premio di 14 milioni di euro, il 3 per cento dell’utile Pirelli.

Winterkorn ha avuto come premio lo 0,07 per cento dell’utile Volkswagen. Domanda: non sarà anche per questo che la Germania va meglio dell’Italia?

Il Fatto Quotidiano, 14 Marzo 2012

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dalle lacrime alla paccata (di miliardi)

prev
Articolo Successivo

Ocse: “L’Italia non cresce? Colpa della corruzione”. Pil peggiore tra i paesi del G20

next