Cancellieri: “Margini non ce ne sono: l’opera è di valore fondamentale per il Paese”; Cota: “la Tav rappresenta un’apertura psicologica all’Europa”; Monti: “Non cambiamo linea”; Passera: “I lavori devono andare avanti”; Chiamparino: “Tav è futuro”; Cota, Fassino, Saitta: “Tav strategica per il Piemonte”; Maroni:“I lavori per la Tav devono partire e partiranno”; Berlusconi: “Opera fondamentale”.

Ho raccolto così, a caso, un po’ di affermazioni sulla Tav pronunciate in questi ultimi mesi. Se andate su Google e cercate i pronunciamenti dei leader politici sulla Tav troverete solo stupidate, banalità, frasi autoreferenziali: è il vuoto al potere. Non troverete una, dico una spiegazione, uno straccio di spiegazione benché minima di cosa serva la Tav. Un po’ perché non lo sanno: pensate che il nostro premier dalla faccia triste od il suo sodale dal cognome ginecologico sappiano che i volumi di traffico fra Italia e Francia sono in drastica riduzione da più di dieci anni e che la linea attuale è ampiamente sottoutilizzata? Un po’ perché sanno che serve a far girare soldi, tanti soldi e questo gli basta.

Per non parlare del dialogo: da sempre i politici dell’esecutivo non si fanno vedere qui in valle. E per forza, non possono sostenere il dialogo, gli mancano le ragioni.

Poi si dice che la gente qui è incazzata. Ovvio che è incazzata, e tanto anche! Vorrei un po’ vedere voi se vi dicessero che vi tireranno giù la casa (se abitate alla frazione San Giuliano di Susa vi capiterà) o che vi passeranno centinaia di Tir sotto le finestre tutti i giorni, o che magari vi ammalerete per via dei lavori, e non vi offrano uno straccio di ragione che è una per giustificare tutto questo. Vorrei proprio vedere!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pedalando verso il cambiamento

prev
Articolo Successivo

Quanta diossina c’è nel latte materno?

next