Da Partite & partiti: la Juventus rallenta e il Milan esce da Palermo ancora più forte. I bianconeri potrebbero essere condizionati dal non aver ancora mai perso una partita. La squadra di Allegri, Champions permettendo, può provare a prendere il largo, ma il campionato è ancora lungo. In questa domenica a colpire sono stati due tipi di fischi: quelli del pubblico di San Siro, spettatore dell’ennesima figuraccia dell’Inter, deriso dal Catania per gran parte della partita, prima della reazione rabbiosa che ha portato al pareggio. E soprattutto quelli dello stadio Olimpico, gli ululati razzisti nei confronti del difensore romanista Juan. Ennesimo atto di inciviltà che non riguarda solo il pubblico laziale, ma l’intero calcio del nostro paese. Piuttosto che stabilire sanzioni che poi regolarmente non vengono inflitte, a questo punto tanto varrebbe premiare gli striscioni e i cori razzisti più atroci. Paradossalmente, potrebbe servire a provocare qualche reazione civile.
Di Oliviero Beha

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La gestione della gloria
e dei soldi

prev
Articolo Successivo

No a Ranieri,
sì a Luis Enrique?

next