Da Partite & partiti: la Juventus rallenta e il Milan esce da Palermo ancora più forte. I bianconeri potrebbero essere condizionati dal non aver ancora mai perso una partita. La squadra di Allegri, Champions permettendo, può provare a prendere il largo, ma il campionato è ancora lungo. In questa domenica a colpire sono stati due tipi di fischi: quelli del pubblico di San Siro, spettatore dell’ennesima figuraccia dell’Inter, deriso dal Catania per gran parte della partita, prima della reazione rabbiosa che ha portato al pareggio. E soprattutto quelli dello stadio Olimpico, gli ululati razzisti nei confronti del difensore romanista Juan. Ennesimo atto di inciviltà che non riguarda solo il pubblico laziale, ma l’intero calcio del nostro paese. Piuttosto che stabilire sanzioni che poi regolarmente non vengono inflitte, a questo punto tanto varrebbe premiare gli striscioni e i cori razzisti più atroci. Paradossalmente, potrebbe servire a provocare qualche reazione civile.
Di Oliviero Beha

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La gestione della gloria
e dei soldi

next
Articolo Successivo

No a Ranieri,
sì a Luis Enrique?

next