Per me la cosa più strabiliante rivelata dalle dichiarazioni dei redditi dei ministri è che la più ricca sia una donna. Onore a Paola Severino se guadagna 7 milioni in un anno. Invece di pensare solo a quanto incassa o a chi sono i suoi clienti, guardiamo per una volta alle cose positive: ne ha pagati 4 di tasse ed è una donna che si è fatta da sé.

Ma ve le ricordate le Minetti e le Carfagne?
Vi ricordate l’immondo sgomitare di soubrette e veline che cercavano un posto in lista per sistemarsi a vita? Ecco, Paola Severino dall’alto dei suoi 7 milioni, viene da un altro pianeta. È un’avvocatessa che si è fatta da sé. Non risulta che abbia ereditato lo studio di famiglia, o fatto gli esami da procuratore a Catanzaro, o l’abilitazione al Cepu.

È una che ha lavorato sodo, per di più con una disabilità fisica. È una che nel suo studio dà lavoro a un sacco di persone. Vediamo questa pole position conquistata sul campo come un piccolo riscatto per la denigrata figura della donna italiana.

Twitter: @ caterinasoffici

Il Fatto Quotidiano, 22 Febbraio 2012

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gli stereotipi della campagna Vodafone

next
Articolo Successivo

L’infanzia violata delle bambine modelle

next