Il governo accelera sulla riforma fiscale e punta ai proventi dell’evasione per il taglio delle tasse e l’aumento delle detrazioni, specie per i ceti meno abbienti. Infatti metà degli 11 miliardi di gettito recuperati dai controlli della Guardia di finanza verrà utilizzata per alleggerire l’imposta sul reddito di tre punti per la prima aliquota, abbassandola dal 23 al 20%.

A trarre vantaggio dalla variazione dell’imposta saranno i contribuenti con un reddito compreso tra i 7 e i 15mila euro. Oltre al taglio dell’Irpef, l’esecutivo intende intervenire sulle detrazioni fiscali, anch’esse finanziate dai proventi recuperati dall’evasione, da fare confluire in un Fondo da cui attingere successivamente.

Quello di Monti è un piano già anticipato dalla risonanza del blitz di fine anno a Cortina e dai recenti controlli anti evasori a Curmayeur e Sanremo, che miravano a evidenziare l’interesse del governo per un controllo reale ed efficace sui versamenti previsti dalla legge.

Alla diminuzione dell’Irpef e all’aumento delle detrazioni si aggiungono però la scrematura delle 720 tipologie di agevolazioni fiscali di cui oggi godono famiglie e imprese che oggi costano allo Stato 161 miliardi di euro. A differenza però del governo Berlusconi, che con Tremonti aveva parlato di un taglio orizzontale del 5% nel 2013 e del 20% nel 2014, Monti sta elaborando una serie di categorie e detrazioni “intoccabili” che riguardano famiglie e pensionati, anche se l’intervento sarà comunque significativo.

Tra le possibili misure al vaglio dell’esecutivo, è incluso pure l’aumento dell’Iva anche se, visto il clima di recessione, è da scongiurare.  Sarà infatti messo a punto solo se non verranno recuperati 4 miliardi di euro nel 2012 e 16 nel 2013  attraverso il taglio alla spesa e la riforma fiscale. In questo caso l’imposta sul valore aggiunto potrebbe subire un aumento dell’aliquota intermedia da 10 al 12% e di quella più alta dal 21 al 23%. Un provvedimento che inciderebbe in maniera sensibile su famiglie e imprese, determinando una contrazione dei consumi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Chiesa e politica, privilegi visti dalla Patagonia

prev
Articolo Successivo

Grazie alla crisi o grazie al governo Monti?

next