L’onorevole prof. Avv. Maurizio Paniz da Belluno, classe 1948 ha l’altra sera raggiunto le impervie vette delle Alpi Giulie. Abbandonato il rifugio, è stato visto mentre si buttava a capofitto contro un daino, gridando: “Mubarak, dove sei?”. Il daino lo ha evitato con un brusco scatto di reni e, nemmeno spenta l’eco dell’invocazione, l’avvocato ha tentato di togliersi la vita aggrappandosi a uno stambecco che caracollava su un burrone. Lo stambecco lo ha disarcionato e l’avv. on. prof. Maurizio Paniz – così si legge nella relazione della protezione civile friulana – è stato portato a valle su uno slittino. Nelle note si leggeva anche: “Nonostante i sedativi, l’avvocato ha continuato a urlare: Ruby, Ruby, perché mi perseguiti?”.

La vicenda, che potrebbe risultare incomprensibile, ha radici antiche a profonde. Si tratta di quella volta che – essendo l’avvocato ancora lucido – fece votare al Parlamento italiano tre straordinarie mozioni: la prima sull’esistenza di Atlantide; la seconda sul ritrovamento di un marziano verde da parte dell’Armata Rossa di stanza in Siberia; la terza, sulla parentela nonno-nipotina fra un leader egiziano di nome Mubarak (ora in grave disgrazia) e una minorenne marocchina di nome Karima El Mahroug. L’immediata conseguenza di questo voto fu (tralasciamo i particolari tecnici) che l’utilizzatore finale della bimba Karima (che in marocchino significa “onorata”), il signor Berlusconi Silvio, doveva essere processato dai suoi “pari” di un tribunale speciale per i ministri (anche Mubarak, alla maniera egiziana, lo era) e non da giudici prevenuti e plebei.

Ma l’altra sera, 14 febbraio San Valentino festa degli innamorati compresi settantenni e minorenni (il santo è ecumenico), altissimi giudici togati facenti parte della Corte Costituzionale hanno capito che Ruby “l’onorata” non era la nipote di nessuno, era stata disonorata ancora minorenne dal signor Berlusconi assieme ad altre pulzelle e l’avv. on, prof. Paniz aveva dato i numeri: quindi, quei giudici plebei potevano procedere senz’altro indugio.

Appena riavutosi dal sopore, l’avv.on.prof. Paniz ha chiesto: “Va bene, ma di Atlantide e dei marziani cosa mi dite? Hanno bocciato anche quelli?”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Sanità Puglia: la giunta del Senato nega l’arresto per l’ex senatore Pd Tedesco

next
Articolo Successivo

Trattativa e 41 bis, i verbali di Conso: “Scelsi Di Maggio al Dap perché andava in tv”

next