L’ex presidente della Banca Popolare di Milano, Massimo Ponzellini, indagato per truffa ai danni dei clienti per la vicenda dei “bond convertendo”. Con lui anche  due ex direttori generali Enzo Chiesa e Fiorenzo Dalu, e Ivano Venturini, allora responsabile della funzione compliance.

Il pm di Milano, Roberto Pellicano, dopo aver analizzato i verbali redatti dalla Gdf di un centinaio di obbligazionisti del “Convertendo” Bpm, ha iscritto nel registro degli indagati l’ex presidente, già finito nel mirino della Procura di Milano per finanziamenti a società nel settore del gioco. Il bond “convertendo” con scadenza 2013 è stato emesso dalla banca nel 2009 e convertito anticipatamente in azioni a fine dell’anno scorso. I clienti della Bpm (circa 15mila) a cui era stato venduto erano stati attirati dal rendimento molto alto promesso, il 6,75%. Ma a fine dicembre 2011 hanno scoperto di avere perso quasi tutto (qualcuno addirittura fino al 90% del capitale investito) al momento della conversione, complice anche il fatto che nel frattempo le azioni della Popolare di Milano in Borsa avevano subito un crollo verticale.

Gli uomini del nucleo di Polizia Tributaria di Milano hanno ascoltato nei giorni scorsi decine di sottoscrittori che non sapevano neanche cosa fosse il bond. Tra le persone interrogate c’è stato chi, come cliente retail, aveva avuto rassicurazioni sul fatto che l’operazione era sicura e non ad alto rischio come poi è emerso. Al ricorso dei sottoscrittori si sono aggiunti anche gli esposti, per lo più presentati da associazioni di consumatori. Due terzi degli obbligazionisti sentiti dagli investigatori delle Fiamme Gialle sono apparsi poco consapevoli, in alcuni casi raggirati. Per questo sono scattate le iscrizioni nel registro degli indagati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Whitney, il suo pubblico l’ha amata sempre

prev
Articolo Successivo

Milano, vigile spara e uccide un ragazzo cileno. Ora l’accusa è omicidio volontario

next