Il 13 febbraio dell’anno scorso era domenica, non c’era, nell’aria, neppure un fiocco di emergenza neve. Era una fredda giornata di festa. Un milione di donne, in ordine sparso, invase pacificamente spazi urbani che non ne vedevano così tante da una trentina d’anni.

A Roma Piazza del Popolo faticava a contenerle tutte. Età diverse, storie diverse. Diversi gli stili i sorrisi gli sguardi. Unica, la volontà di dire basta, di riprendere la parola. Di affermare la propria dignità di persone. Non oggetti, non merce di scambio, non silenzio fatica e discriminazione. Donne. La metà di un tutto, da declinare secondo due soggettività differenti, ma di eguale valore. Le femmine, i maschi. Si era in pieno berlusconismo, fase preagonica, trivialità massima. Dalle piazze si levò, allegramente rabbioso, un grido di sollievo: se non ora quando? Adesso!

Da quella domenica il tempo è cambiato. Berlusconi si è inabissato, s’è spenta l’eco delle barzellette. La serietà ha preso il sopravvento, imponendo castighi e rigore. Le donne che erano in piazza il 13 febbraio dell’anno scorso, non sono più tornate a casa. Adesso sono una forza politica. Che dialoga col Governo, che manifesta e racconta, che spiega e chiede. Una forza radicata sul territorio nazionale in un centinaio di comitati. Un punto di riferimento per tutte. Per tutti. A loro (a noi), i miei migliori auguri. Buon compleanno, Snoq.

Il Fatto Quotidiano, 12 febbraio 2012

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La magrezza sulle punte

next
Articolo Successivo

Un post per soli uomini

next