‘”Faccio forte affidamento sul senso di responsabilità che le forze politiche italiane stanno già dimostrando nella discussione dei decreti del governo Monti. Non ho motivo per ritenere che stiano per rovesciare il tavolo, per mettere in crisi il governo e a rischio il clima politico”. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha espresso fiducia nel Parlamento nel corso della conferenza stampa a Helsinki, dove si è svolto il summit dei presidenti dei paesi europei. E ha rimarcato in particolare il progetto di riforma del mercato del lavoro, sottolineando che la discussione in corso tra governo e sindacati, “si concluderà con un accordo”.

Davanti alle domande dei giornalisti della stampa internazionale, il Presidente ha dichiarato che i partiti italiani non sfileranno il loro appoggio al governo tecnico, dalle liberalizzazioni al mercato del lavoro. Napolitano ha anche fatto presente che i partiti “stanno autonomamente concentrando il proprio impegno sulle riforme istituzionali su cui il governo in quanto tale non era in grado di impegnarsi” e che gli italiani sono consapevoli “di non avere alternative di fronte ai sacrifici”.

In relazione agli scontri di piazza Syntagma contro le misure di austerity del governo, Napolitano si è detto “impressionato e preoccupato da questa forte manifestazione di malessere sociale in Grecia”, ma ha specificato che “la situazione dell’Italia è differente”. Infatti, a differenza di quanto è accaduto ad Atene, “abbiamo accolto le domande che sono giunte dalle istituzioni europee e dai Consigli europei”, ha spiegato, sottolineando “l’esplicita espressione di apprezzamento e fiducia per quello che l’Italia sta facendo”, in particolare da parte del presidente tedesco Christian Wulff.

(E.B.)

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Liberalizzazioni, in Senato piovono 2.400 emendamenti. Monti: “Sono tranquillo”

next
Articolo Successivo

Articolo 18, smentito incontro Cgil-Monti
Ma la Rete protesta: “Basta accordi al ribasso”

next