Nuovi, possibili sviluppi sulla vicenda giudiziaria che ha coinvolto Filippo Penati, ex presidente della Provincia di Milano nonché capo della segreteria politica di Pier Luigi Bersani, accusato dai pm di corruzione e concussione per un presunto giro di tangenti. In questi giorni, infatti, secondo quanto pubblicato dal quotidiano Libero, la Procura della Repubblica di Monza ha chiesto il sequestro preventivo di 15 milioni di euro di proprietà della Codelfa spa, società del gruppo Gavio. Una richiesta che però non è stata accettata dal gip Anna Magelli, che ha rigettato l’istanza. I magistrati hanno presentato ricorso contro la decisione del giudice per le indagini preliminari e la prossima settimana sarà il Tribunale del Riesame a decidere sulla richiesta di sequestro preventivo.

Il collegamento tra la richiesta del sequestro di 15 milioni e l’indagine su Filippo Penati deriva dal fatto che proprio la Codelfa spa è la società attraverso cui nel 2008 – sotto forma di caparra per un’operazione immobiliare mai avvenuta – vennero versati due milioni di euro all’imprenditore Pietro Di Caterina, il quale ha rivelato di aver pagato mazzette all’esponente di spicco del Partito democratico lombardo. Secondo gli inquirenti, quel pagamento sospetto è “parte della tangente per l’acquisto da parte della Provincia di Milano del 15 per cento delle azioni della Milano-Serravalle avvenuto in data 29 luglio 2005”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mancata tutela sulla salute dei lavoratori
A giudizio nuovi e vecchi vertice di Enel

prev
Articolo Successivo

La capitale alle prese con l’emergenza
Gli spazzaneve? Abbandonati e fuori uso

next