Il termometro a Milano, come nel resto d’Italia, è sottozero da più di una settimana. I senzatetto del capoluogo lombardo si ritrovano in Stazione centrale. C’è chi è in strada da anni, chi da poche settimane, chi non vuole farlo sapere alla famiglia, chi invece dice: “Lo sanno, ma non voglio disturbare”. Sono italiani, ma anche polacchi, rumeni, africani. I bollettini meteo parlano di un’altra settimana di gelo. Di fronte a questa prospettiva, è arrivato l’appello del cardinale Angelo Scola: «Dobbiamo aiutare i senzatetto che in giornate fredde e dure come queste vanno incontro alla morte», ha detto in occasione della ‘Giornata per la vita’. Intanto, il Comune ha allestito altri 45 posti letto per il soccorso ai senzatetto. I volontari delle associazioni  – Linea Gialla onlus e Fondazione progetto Arca – si danno da fare per dare una coperta e un pasto caldo a chi dorme nei sottopassi della metro, ma il freddo è davvero pungente: solo oggi in tutta Italia ha ucciso sette persone di Stefania Villa

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Beha: “Come nel Ventennio, quando le partite cominciavano tutte allo stesso orario”

prev
Articolo Successivo

Violante (Pd): “No al ritorno delle preferenze, costano troppo allo Stato”

next