Riforma del lavoro e diritti dei lavoratori, articolo 18 incluso. Il ministro del Welfare Elsa Fornero e le parti sociali si stanno confrontando per riformare il sistema, in un mercato che offre sempre meno speranze di garanzia e stabilità alle giovani generazioni. Questi i temi a cui sarà dedicata la dodicesima puntata di Servizio Pubblico di stasera dal titolo “Tutta la vita davanti”, per discutere di prospettive occupazionali e crisi.

In studio con Michele Santoro ci saranno il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso e il giuslavorista Michele Tiraboschi, docente di Diritto del lavoro presso l’Università di Modena e Reggio Emilia e direttore scientifico della Fondazione Marco Biagi. L’inviato Sandro Ruotolo sarà in collegamento dal centro sociale Tpo (Teatro Polivalente Occupato) di Bologna e nel corso della trasmissione andrà in onda un reportage esclusivo dalla Grecia, il paese che finora in Europa ha sofferto le conseguenze più gravi della crisi. Il dibattito in studio metterà al centro l’incontro tra il governo e le parti sociali che già nelle scorse settimane hanno avviato un tavolo per riformare il mercato del lavoro, inclusi licenziamenti e flessibilità, proprio mentre la disoccupazione giovanile raggiunge nuovi livelli record. Infatti, secondo quanto rilevato dall’Istat, lo scorso dicembre ha toccato il valore più alto dal 2004, visto che il numero dei senza lavoro si attesta a 2,243 milioni e su base annua si registra una crescita del 10,9% (221 mila unità).

Come ogni giovedì, sarà possibile seguire dalle 21 la trasmissione sul canale in chiaro di Sky, Cielo, oltre che su un network di televisioni locali e in diretta streaming sul sito del Fatto quotidiano. A questi si aggiungono i canali 100, 500 e 504 di Sky, i siti dei maggiori quotidiani nazionali e in esclusiva anche su Radio Capital. E i sondaggi proposti da Giulia Innocenzi animeranno la pagina Facebook del programma. Intanto, sul profilo del social network, la redazione domanda agli utenti se in questa crisi ci sarà uguaglianza, se si salverà l’Italia o al contrario solo una parte del paese e se, data la situazione economica e sociale, l’abolizione dell’articolo 18 possa facilitare assunzioni e mobilità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Libertà su Internet, la Camera boccia
l’emendamento Fava “bavaglio al web”

prev
Articolo Successivo

Monti dia lo stop alla monotonia della Rai

next