In Romagna c’è una tribù di gente strana: sono quelli dell’Associazione Primola di Cotignola. Organizzano teatri di paglia, cinema nelle case e incontri e  spettacoli al Teatro Binario, proprio di fianco alla stazione del paese.

Ieri che nevicava forte, e i treni si fermavano, e in strada non si passava, e la gente si arrabbiava perché l’ingranaggio quotidiano si era inceppato, che fanno quelli di Primola? Vanno a cercare gli esquimesi a Cotignola. Ecco. Perchè uno pensa che per andare cercare le cose originali si debba fare tanta strada, prendere l’aereo e spendere dei soldi. E invece no.

A volte basta girare l’angolo per trovare nuove prospettive. E per mollare un po’ della tensione che ci portiamo addosso. Per esempio a Cotignola c’è un’isola dentro un lago. Un’isola speciale perché c’è un solo abitante: un albero, un albero che  ha 112 anni e che per la gente del posto si chiama l’Albaraz.

Questo albero è stato adottato da Primola. E ieri a questo albero gli è caduto un ramo e ha bisogno di cure. Primola si rivolge a chi lo deve tutelare perché solo con il bello cresce in salute anche il PIL. In questo video c’è il racconto dell’isola, dell’Albaraz e anche dell’esquimese che abita in ciascuno di noi e che in questi giorni si sta prendendo il suo spazio…

Chi vuole saperne di più può scrivere a info@primolacotignola.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bologna, un’attivista romena lascia il Movimento 5 Stelle: “Grillo ha idee xenofobe”

next
Articolo Successivo

Il posto fisso ha rotto. E anche la neve

next