In Romagna c’è una tribù di gente strana: sono quelli dell’Associazione Primola di Cotignola. Organizzano teatri di paglia, cinema nelle case e incontri e  spettacoli al Teatro Binario, proprio di fianco alla stazione del paese.

Ieri che nevicava forte, e i treni si fermavano, e in strada non si passava, e la gente si arrabbiava perché l’ingranaggio quotidiano si era inceppato, che fanno quelli di Primola? Vanno a cercare gli esquimesi a Cotignola. Ecco. Perchè uno pensa che per andare cercare le cose originali si debba fare tanta strada, prendere l’aereo e spendere dei soldi. E invece no.

A volte basta girare l’angolo per trovare nuove prospettive. E per mollare un po’ della tensione che ci portiamo addosso. Per esempio a Cotignola c’è un’isola dentro un lago. Un’isola speciale perché c’è un solo abitante: un albero, un albero che  ha 112 anni e che per la gente del posto si chiama l’Albaraz.

Questo albero è stato adottato da Primola. E ieri a questo albero gli è caduto un ramo e ha bisogno di cure. Primola si rivolge a chi lo deve tutelare perché solo con il bello cresce in salute anche il PIL. In questo video c’è il racconto dell’isola, dell’Albaraz e anche dell’esquimese che abita in ciascuno di noi e che in questi giorni si sta prendendo il suo spazio…

Chi vuole saperne di più può scrivere a [email protected]

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bologna, un’attivista romena lascia il Movimento 5 Stelle: “Grillo ha idee xenofobe”

prev
Articolo Successivo

Il posto fisso ha rotto. E anche la neve

next