Brutto, bruttissimo lo scivolone del presidente Monti. Forse sarà stata una battuta infelice, o la conseguenza di una sovraesposizione mediatica che talvolta mina la proverbiale “sobrietà”. Fatto sta che l’esclamazione “che monotonia il posto fisso” è grave e indecorosa.

Lo è nella forma e nella sostanza: avrebbe potuto dire “care ragazze e ragazzi, sarebbe bello poter contare su un posto fisso, su un’occupazione gratificante che risponda alle vostre  passioni, alle inclinazioni o agli studi effettuati. Ma in questo difficile momento storico purtroppo è un’utopia e l’approccio al lavoro deve inevitabilmente cambiare”...
E questo per la forma. Ma è sbagliata anche la sostanza: perchè quel giovane su tre, che secondo l’Istat è disoccupato, non cerca il posto fisso fino alla pensione (ammesso e non concesso che riuscirà a beneficiarne). Cerca un posto, insegue un lavoro dignitoso che gli consenta di costruirsi una professionalità, magari di accedere ad un mutuo.

“E’ bello cambiare e accettare delle sfide” ha aggiunto Monti. Quali?

Prendiamo uno dei tanti annunci consultabili in internet: “Call center offre lavoro. Si richiede: buona conoscenza lingua inglese e spagnola. Diploma o laurea, buona conoscenza del web e pacchetto Office, spiccate doti relazionali, spirito di gruppo, forte motivazione. Contratto di 3 mesi, 400 euro mensili”.
Ricapitoliamo: mi faccio cinque anni di istituto superiore, altri cinque di università, un aggiornamento continuo di due lingue straniere, e poi corsi di informatica… Tutto questo per lavorare meno di 100 giorni con un compenso pari al costo di un affitto mensile in periferia. E dovrei essere pure “fortemente motivato“?

Caro Monti, sarebbe questa la “bella sfida”?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In piazza con la Fiom per salvare la democrazia

next
Articolo Successivo

Lavoro, via al tavolo tra governo e parti sociali
Passera: “Si parlerà di articolo 18 ma non solo”

next