Quando è caduto Berlusconi abbiamo tutti festeggiato. Invece delle elezioni è però arrivato il governo Monti che ha promesso equità sociale e l’uscita dalla crisi. A distanza di un paio di mesi è possibile trarre un primo bilancio.

L’equità sociale non si è vista: hanno pagato i soliti noti mentre di patrimoniale o di taglio delle spese militari nemmeno l’ombra. Non si è vista nemmeno l’uscita dalla crisi: la manovra di Monti, tagliando il welfare e aumentando le tasse, è recessiva e sta aggravando pesantemente la crisi. Quanto alla lotta alla speculazione finanziaria – dovuta alle politiche europee di stampo neoliberista e non certo a un destino cinico e baro – Monti non ha nemmeno speso una parola per cambiare le regole.

Adesso sono arrivate le liberalizzazioni, che non toccano i grandi poteri ma al contrario demoliscono diritti in basso: dall’obbligo di liberalizzare i servizi pubblici locali, all’abolizione del Contratto nazionale di lavoro nel settore ferroviario, all’abolizione del valore legale del titolo di studio, etc etc.

In definitiva, il governo Monti sta utilizzando la speculazione finanziaria come una sorta di “nemico esterno” per giustificare una politica di pesantissima compressione dell’occupazione, dei diritti dei lavoratori pubblici e privati, dipendenti e autonomi. Una politica di destra, simile a quella della Tatcher totalmente favorevole al capitale finanziario e alle grandi imprese. Un governo da mandare a casa il prima possibile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“A 28 anni non sei laureato? Sfigato”. Parola del viceministro Michel Martone

prev
Articolo Successivo

Alfano toglie l’incompatibilità. E ora Cesaro può succedere a Cosentino

next