“Siamo come ad Avetrana, anzi peggio”. Il turismo della tragedia lo avevamo visto già un anno fa nella cittadina pugliese in cui fu uccisa Sarah Scazzi. Oggi il fenomeno è sbarcato sull’isola del Giglio col primo traghetto del mattino. Sono arrivati a centinaia da ogni parte del centro Italia e hanno riempito i ristoranti del paesino. Sono venuti con amici o famigliari, macchina fotografica e cinepresa al polso. Da Viterbo, Orbetello, l’Aquila, Cortona, perfino da Civitavecchia, da dove la Costa Concordia era partita. Poco importa se dal relitto continuino ad affiorare nuovi cadaveri. di Giulia Zaccariello

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Reguzzoni fuori dai coglioni”, le proteste contro il “cerchio tragico”

next
Articolo Successivo

Tir, Napoli: aggrediti camionisti che tentano di forzare i blocchi

next