“Siamo come ad Avetrana, anzi peggio”. Il turismo della tragedia lo avevamo visto già un anno fa nella cittadina pugliese in cui fu uccisa Sarah Scazzi. Oggi il fenomeno è sbarcato sull’isola del Giglio col primo traghetto del mattino. Sono arrivati a centinaia da ogni parte del centro Italia e hanno riempito i ristoranti del paesino. Sono venuti con amici o famigliari, macchina fotografica e cinepresa al polso. Da Viterbo, Orbetello, l’Aquila, Cortona, perfino da Civitavecchia, da dove la Costa Concordia era partita. Poco importa se dal relitto continuino ad affiorare nuovi cadaveri. di Giulia Zaccariello

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Reguzzoni fuori dai coglioni”, le proteste contro il “cerchio tragico”

prev
Articolo Successivo

Tir, Napoli: aggrediti camionisti che tentano di forzare i blocchi

next