“E’ tutto sotto controllo tornate nelle vostre cabine”. Questo l’invito rivolto dal personale di bordo ai passeggeri assiepati nei punti di raccolta. Il particolare emerge da un video amatoriale mandato in onda da Rai news 24. Le immagini riprendono un gruppo di persone con indosso il giubbotto di salvataggio e un membro dell’equipaggio che minimizza e anzi dice: “Il guasto al generatore è stato riparato, vi invitiamo a tornare nelle cabine oppure nei saloni. Ma se volte stare qui restate”. Il tutto “su ordine del comandante”. In quel momento la nave Concordia, dopo aver urtato lo scoglio al largo del Giglio, sta già imbarcando acqua lungo la fiancata e secondo quanto sostiene la procura risulta ingovernabile perché il mare ha già raggiunto la sala motori.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Spettacolo blasfemo”: bufera cattolica
contro l’opera di Castellucci di scena a Milano

prev
Articolo Successivo

Schettino al gip: “Ho chiamato la Compagnia Costa e gli ho detto che avevo fatto un guaio”

next