E adesso che il Bocca non c’è più chi saprà trovare le parole che lui sapeva trovare, lucide e dirette, per dare voce all’indignazione di noi cittadini di fronte a ingiustizie e stupidità? Chi saprà esprimere con toni semplici e asciutti lo sdegno davanti ai mali antichi e recenti del nostro Paese? Per lettori e colleghi Giorgio Bocca è stato un punto di riferimento irrinunciabile e necessario, la garanzia di un pessimismo intelligente e illuminato in grado di consolare. Il suo sguardo, schietto e spesso ferito da un paesaggio indecente, ha indagato per oltre mezzo secolo la realtà politica e sociale dell’Italia. In molti hanno definito Bocca “combattente” perché sembrava convinto che la sua professione fosse uno strumento per cambiare il mondo. Amava il mestiere di giornalista con passione e disciplina e, incline alla sintesi, lo definiva così: “Chi lo sceglie lo fa perchè vuole raccontare la verità”.

Bocca diventò un protagonista al Giorno dove arrivò dopo le esperienze alla Gazzetta del Popolo e all’Europeo. Già noto ma non ancora notissimo, fu il maestro del giornalismo d’inchiesta, un genere di giornalismo che negli ultimi tempi considerava “ impossibile, scomparso, ucciso dalla pubblicità che ormai comanda tutta l’informazione”.

Per la prima volta incontrai Bocca proprio al Giorno dove, benchè redattrice debuttante e neoassunta, avevo il compito di“ passare” cioè di rileggere ed eventualmente correggere i refusi dei suoi pezzi tra cui una rubrica settimanale che si intitolava “Fatti nostri”e che mi arrivava su una pagina dattiloscritta fitta di impazienti correzioni a penna, un concentrato di giudizi netti e polemici. Del Giorgio Bocca di allora ricordo la ruvida timidezza da montanaro che si accendeva all’improvviso con lampi di allegria. Mi sembrò, in quegli anni e poi sempre, un giornalista solitario, anzi, solo.

Ci siamo visti l’ultima volta un paio di mesi fa, alla presentazione del filmato e del libro tratti da una sua lunga intervista intitolata “La neve e il fuoco” realizzati da Maria Pace Ottieri e Luca Musella. Già molto affaticato non avrebbe voluto intervenire ma all’ultimo si fece convincere dall’insistenza dell’amata moglie Silvia. Alla fine ringraziò gli amici in sala non con la consueta e sbrigativa ritrosia ma distribuendo piccole, affettuose carezze, un saluto inusuale per lui, quasi un congedo definitivo.

Montanelli, Biagi, Bocca: i grandi della migliore stagione del giornalismo italiano non ci sono più. Erano legati da una solidarietà amichevole, venata da una blanda e altalenante competizione. “Ormai siamo considerati dei dinosauri” diceva Montanelli nei suoi ultimi anni . E aveva ragione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vergogna, non chiamatela crisi

prev
Articolo Successivo

Roma, il Prefetto che rifiutò di schedare i rom
diventa consigliere del ministro dell’Interno

next