“630 mila euro per far ballare in Rai Bobo Vieri? E’ il mercato bellezza” risponde qualcuno dai piani alti di viale Mazzini. “Siamo uno show che vive di star” spiega la conduttrice. Tutti a caccia di giustificazioni ma il fatto rimane: per partecipare alla trasmissione di Raiuno Ballando con le stelle Bobo Vieri dovrebbe percepire oltre mezzo milione di euro.

“I soldi spesi rientreranno attraverso gli ascolti e la pubblicità “, ribadiscono. Ammesso e non concesso che ciò sia vero non è quantomeno imbarazzante che per ballare (Mikhail Baryshnikov è in trepidante attesa di vedere ed apprendere dal suo “collega” superpagato) l’ex calciatore, ora agli onori della cronaca solo per i nuovi flirt, prenda una cifra così esorbitante? Mercato o non mercato non sarebbe ora che la tanto invocata sobrietà in tempi di crisi riguardi anche i caché dei superospiti specie quando i dipendenti dell’azienda stessa scioperano contro il taglio degli investimenti e delle professionalità, i contratti sempre più atipici, i probabili licenziamenti?

630 mila euro per qualche giro di walzer e fox trot… Oggi sotto viale Mazzini manifestavano più o meno 600 dipendenti. E se invece la Rai desse 1000 euro ad ognuno di loro per ballare in trasmissione? Magari gli stessi ascolti ne guadagnerebbero e i dipendenti riceverebbero una gradita gratifica natalizia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rai: la protesta sotto viale Mazzini
Lavoratori contro taglio produzioni esterne

next
Articolo Successivo

Se Vatican.xxx diventa
un portale porno

next