Il ministro del Welfare, Elsa Fornero, dopo l’intervento in Senato, è intervenuta a Roma ad una conferenza della Federazione Nazionale della Stampa per celebrare i cento anni del primo contratto giornalistico. Al suo arrivo, il ministro è rimasta visibilmente sorpresa dalla ressa di giornalisti che l’attendevano da oltre due ore, e appena presa la parola, ha evidenziato un certo malumore nei confronti della stampa, citando Karl Popper. “I’m blind, deaf and stupid. Please go away” (Sono cieco, sordo e stupido. Per favore andate via), ha dichiarato. E ha aggiunto: “Non mi aspettavo questo, se avessi intuito non avrei risposto positivamente a questo invito”. Poi la Fornero torna sul tema previdenziale: “La riforma delle pensioni non è fatta solo di tagli che impongono sacrifici. Ci sono anche lati positivi di equità – ha proseguito – ben sapendo che la perfezione non esiste”.
Video di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, Casapound dialoga con la comunità cinese

prev
Articolo Successivo

Romani (Pdl): “Il Fatto? Un giornale che insulta la gente”

next