I testimoni raccontano di un uomo bianco di mezza età che ha sparato ai senegalesi, due distinti agguati nella piazza del Mercato Centrale a Firenze. È stata usata una pistola 357 Magnum. Lo sparatore, che si è ucciso quando si è visto braccato dalla polizia, era iscritto a Casa Pound. Subito dopo a Firenze esplode la rivolta dei senegalesi, dando vita a un corteo, dal luogo dell’omicidio alla prefettura. In tanti hanno gridato “Italia razzista”. Così scrivono le agenzie del 13 dicembre e lanciano nel mondo il nome di Firenze, quello di “un uomo bianco” che ha fatto fuoco con un’arma da guerra, i nomi dei due morti e di tre feriti gravissimi. Il sindaco di Firenze ha dichiarato il lutto cittadino.

Ma tutto ciò accade due giorni dopo l’incendio di un campo nomadi a Torino, quando una spedizione notturna di uomini decisi a uccidere e bene organizzati sono andati a vendicare un falso stupro. Subito prima del rogo qualcuno ha gridato: “E se ci sono dei bambini?” e subito c’è stata la risposta, barbara e tranquilla: “Bruceranno anche loro”. E poi il rogo ha distrutto tutto, mentre uomini e donne, bambini e vecchi fuggivano nella notte. Il sindaco Fassino ha detto: “Questo è linciaggio”. Il governatore leghista Cota non ha avuto niente da dichiarare.

Intanto a Roma, nel pomeriggio del 12 dicembre, in una stradina tra via del Corso e via Ripetta una banda di uomini (mandati da chi?) ha cominciato ad aggredire, insultare e inseguire i giovani venditori neri di via del Corso. C’è stata una fuga precipitosa, ci sono foto dei passanti, ma nessuno sa se i giovani neri siano stati raggiunti. Gli aggressori volevano assumersi il compito di una “giustizia fai da te” tipo quella delle famigerate ronde? Per capire, occorre ricordare che il governo guidato dalla Lega aveva ordinato ricorrenti rastrellamenti di ambulanti immigrati in molte città italiane. A Roma, proprio in via del Corso, ho visto, ai tempi di Maroni, clamorose azioni coordinate di vari corpi di polizia che facevano retate di ambulanti, mentre poco lontano delitti di malavita avvenivano indisturbati quasi ogni giorno.

Ora la Lega se n’è andata e non conta nulla. Ma lascia il frutto marcio dell’odio coltivato a lungo nel silenzio dei partiti, dei media, di quasi tutti i vescovi, della cultura. Un messaggio spaventoso e tranquillamente tollerato che chiama a raccolta tutte le destre squilibrate. È giusto temere che sia solo l’inizio.

Il Fatto Quotidiano, 14 dicembre 2011

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Firenze, lutto cittadino dopo la strage
L’arma di Casseri autorizzata per tiro sportivo

next
Articolo Successivo

Il razzismo dell’ignoranza

next