“Il governo di Mario Monti è in mano alle banche”. E’ uno Scilipoti in versione ‘indignados’, quello che va in scena al teatro Capranichetta di Piazza Montecitorio. Spalleggiato dalla soubrette Sara Tommasi e dall’avv. Alfonso Luigi Marra, Scilipoti si lancia in un’invettiva contro la finanza e la manovra del governo Monti. La sala, a dire il vero, è semideserta. Sara Tommasi invece annuncia una battaglia a favore dei pagamenti cash: “Ieri per un vestito ho pagato 980 euro in contanti, il resto con la carta di credito che se non ce l’avevo restavo senza vestito”. Come al teatro Quirino di Roma dove, qualche giorno fa, si è esibita in giarrettiera  davanti ad un bancomat (leggi l’articolo). La Tommasi in mutande, spiega l’avvocato Marra, è una strategia per semplificare i concetti: “Quando voi diventerete più maturi, allora potremo usare anche linguaggi più complessi”.
di Paolo Dimalio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MORTE DEI PASCHI

di Elio Lannutti e Franco Fracassi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Portaborse “in nero”, Cirino Pomicino in tv va all’attacco del Fatto.it

next
Articolo Successivo

Strage di Firenze, CasaPound Italia: “Vogliono screditarci”

next